I Cicladi allungati e La crociera di Bodrum

kos.jpg

Giorno 1: Bodrum e L’isola Kos

L’imbarco inizia alle 15:30 dal porto Bodrum. Dopo formalità portuali sarete informati circa l’itinerario della crociera e il caicco. Poi ci sarà da crociera all’isola di Kos. L’isola di Kos è il primo passo della nostra avventura affascinante. Siate pronti a essere sorpresi e preparare la macchina fotografica! Si otterrà un grande piacere di camminare nelle sue ampie strade, parchi verdi e giardini fioriti.

L’enorme antica (XV secolo) Castello dei Cavalieri incontreranno i viaggiatori Sulla all’ingresso del porto. Vicino al porto è una zona archeologica esteso con resti di edifici di età ellenistica e romana – Gimnasia, l’Odeon, il Tempio di Afrodite, il Tempio di Ercole, Bagni Romani e le ville romane con mosaici Frammenti. Acquedotto unisce castello con una piccola area su cui sorge il Sycamore Antico, secondo la leggenda, piantato da Ippocrate. Presso la centrale Piazza Elevterias (Liberty) è il Museo Archeologico, che ha riunito Artefatti Exposition interessanti che illustrano la ricca storia dell’isola.

Uno dei più interessanti Attractionsof Il Kos sono le rovine di un antico tempio Asklepios (dio della medicina), Dove Studiato Ippocrate e la sua vita era strettamente connessa con un’isola. Rovine di un tempio Asklepios sono 4 chilometri dalla capitale dell’isola e ci vorranno circa 20-25 minuti per raggiungere l’Asklepios in auto e circa 30 minuti in bicicletta. Forse la migliore opzione per ottenere un giro e vedere la città al tempo stesso – Auto Locomotiva che funziona su un Programma dal parcheggio vicino al porto di Kos. Dopo aver raggiunto Askelepios Bypassare The Shady Alley, una maestosa vista del complesso antico apre di fronte a voi. Una passeggiata nel Asklepios prenderà circa la metà del giorno Quindi sulla via del ritorno in città, se siete affamati, si incontra un piccolo e grazioso ristorante con prezzi convenienti. quando si passa da Askleypios a Inland si trova la città Asfendiu. E la montagna Dikteo Un Mostrerà spettacolare panorama dell’isola, le sue spiagge e le altre isole dell’arcipelago.

Nel cuore dell’isola, vicino l’aeroporto è Antimahia Villaggio, 3 km a nord del centro turistico di che si trova Mastihari, ea Sud – Il villaggio di Kardamena. Al West Of The Island, 43 km dalla città di Kos è Kefalos trova. Kefalos è Famoso Chi belle spiagge di Kamari e la spiaggia paradiso le rovine della città antica, il monastero di San Giovanni. Un’altra attrazione dell’isola è Terme “. È possibile raggiungere il luogo in auto, in autobus, in bicicletta oa piedi. Kos è un paradiso per i ciclisti è ” guidare con il vento “. Sull’isola vi è la possibilità di noleggiare una bicicletta o moto.

In Sera cenare agli ristoranti lato mare. Pranzo o Cena di solito costa 15-20 euro a persona. Catturato in una taverna greca si può provare l’insalata greca tradizionale, che è Maden di pomodori, cetrioli, peperoni dolci, cipolle, olive, olio di oliva, e, naturalmente, formaggio fresco di pecora feta di. Sono pesci e frutti di mare particolarmente popolari. Inoltre ci sono molti diversi Pasticceria negozi. Sicuramente provare un vino Grecia, perché sono più conosciuti in Grecia. I prezzi di vino prodotto nel negozio sarà più conveniente che in ristoranti. In qualsiasi ristorante o taverna si può provare un tradizionale Grecia Bevande: Uzo (Ouzo) Forty-Degree Anice Vodka, tumori – Uva Vodka, Metaxa – Famoso Greco Brandy. Quanto riguarda le attrazioni serali, Life On Kos abbonda. Caratteristica della vita notturna dell’isola di Kos è la sua località. Qui non troverete molte migliaia di grandi carnevali e festival, ma, invece di esso, l’isola di Kos (soprattutto nelle sue Resort Areas) ci sono molte dicoteche, le Taverne e i bar. The atmosfera del Kos sono molto caldo e confortevole, Qui tutti si conoscono e sono sempre felice di invitare gli ospiti. Cena e pernottamento a Kos.

Giorno 2: Le isole Pserimos e Leros

In un accogliente Pserimos isola ci sono solo un piccolo paese (la zona dell’isola è di circa 15 chilometri quadrati, e il numero dei residenti permanenti non più di 100 persone.) Il lavoro principale della popolazione locale è la pesca e lavorare in un turismo. L’isola è interessante per la presenza di turisti insolitamente bellissima spiaggia con sabbia finissima e acque cristalline del Mar Egeo. Come la maggior parte delle isole sabbiose, entrata in acqua è molto bassa e rende la spiaggia estremamente comodo per chi viaggia con i bambini. I viaggiatori incontreranno taverne ospitale e caffè con cucina tradizionale greca.

Leros. L’isola è famosa per il fatto che una volta che la dea greca Artemide regnava qui, qui i luoghi legati alla leggenda locale dell’antica caccia calidonio ellenica. Ma non solo per gli appassionati di storia e archeologia questi luoghi interessanti sono. Qui si può godere la natura incontaminata, numerose baie pittoresche e calette in lussureggiante. Basta salire fino ai mulini a vento sulla montagna e si gode un panorama straordinario. Si può camminare per un singolo Leros dell’isola villaggio, se si va giù per la strada.

Ciò che è interessante da guardare: antico castello Palokastro, ecco la chiesa di Panagia del 4 ° secolo, la chiesa di Agia Kiur, Torre di Belem, costruita nel 1925 da Parisem Belm. La torre è un museo storico e folcloristico di Leros. E la sera, sotto un cielo con un pieno di stelle, è un grande piacere di gustare pesce fresco alla griglia con aglio e succo di limone, un tradizionale insalata greca con formaggio fresco e bere vino aromatizzato in vecchio stile villaggio di pescatori Pandeli in uno delle taverne costiere.

Giorno 3: L’İsola Lipsi

La mattina presto ci sarà crociera verso l’isola di Lipsi magica, dove secondo la leggenda, la ninfa Calypso ha tenuto il prigioniero Ulisse per sette anni. In verità, il paradiso. Questo vi affascinerà isola te! L’insediamento principale dell’isola – città Lipsi si trova sulla riva della baia. L’attrazione più interessante, forse, la chiesa di Agios Ionis ha meraviglioso profondo cupola blu. È inoltre possibile visitare il piccolo museo presso il municipio, dove raccoglie numerosi reperti archeologici provenienti da diversi secoli, così come, nel museo, si può vedere la mostra di costumi nazionali greche.

Un altro luogo interessante può essere chiamato sorgenti minerali in cui si sarà in grado di nuotare e bere un drink un’acqua minerale. L’isola è ricca di spiagge bellissime KAMPOS Liendo, Katsadya, Papandriya e 2 km a sud del porto, spiaggia deserta Ksirokambos. Per ottenere questo pone è possibile noleggiare un taxi o in moto (la gente del posto più di tutti usano questo trasporto). Sulla piazza di bianche case colorate con persiane blu finestre prendere una cena. L’isola è famosa in diversi allevamenti ittici, per cui vi consigliamo di provare il pesce con vino locale perfetto. Nei negozi si possono acquistare souvenir, miele fresco, vino, dolci tradizionali. Pernottamento e cena sull’isola.

Giorno 4: L’isola Patmos

Di buon mattino visitiamo l’isola di Patmos, uno dei principali luoghi della cristianità. Ogni anno migliaia di pellegrini e turisti visitano l’isola, con la speranza di vedere la Grotta della rivelazione, dove il discepolo prediletto di Cristo Apostolo S. Giovanni ha scritto un libro che oggi tutto il mondo chiama “Apocalisse”. Hallmark dell’isola è senza dubbio la teologia il monastero Ayiu Giovanni sulla parte superiore di Patmos. Sulla metà strada verso la cima del monastero ci sono Apocalisse XVII secolo, una vista straordinaria della bellissima città e le isole intorno. La maggior parte di tutte le porte del monastero sono chiusi dagli occhi turistiche, ma se sarete fortunati di visitare l’isola sia mentre ci sono una celebrazione religiosa, è possibile vedere le maestose arcate delle chiese e affreschi sulle pareti dei tempi antichi. L’atmosfera è molto tranquillo e calmo. Tra le strade verdi e un sacco di santuari, che sono associati con le storie miracolose guarigioni, si cammina in una mattina fresca. Ci si può sedere sul sole che brucia tra le rovine dell’antica Acropoli di Kastelli e sentire campane in lontananza le pecore al pascolo. Prendete un pranzo in una delle taverne o visitare uno dei caffè, che è offrono deliziosi caffè nero e cialde calde con gelato. Nel pomeriggio fare una nuotata in una delle spiagge più belle dell’isola: Grigos – un pittoresco villaggio sul mare (4 km sud-est del porto dell’isola della roccia). Nelle vicinanze ci sono una bella spiaggia di sabbia Kalikazu e sud – Spiaggia Diakofti. Più a sud – ovest di Diakofti famosa spiaggia Psili Ammos. Finiremo la giornata con incontrare il tramonto dalla cima dell’Acropoli, o sulla spiaggia – Psili Amos. In serata, visitare uno dei ristoranti locali. La grande variante di vostra cena è un grigliato polpo, gamberi o calamari croccanti, anche un pesce alla griglia con verdure fresche. Resteremo sulla notte sull’isola.

Giorno 5: L’isola Ikaria

L’isola Ikaria ha passato ricco, che può essere visto nei resti archeologici bizantina e romana. Il Castello di Koskina costruito nel 11 ° secolo, durante la dominazione bizantina, si trova sulla cima di una montagna. All’interno del castello si trova la chiesa di San Giorgio. Fortezza Drakano è un altro ottimo esempio di passato militare dell’isola. È stato costruito dagli Ateniesi, durante il tempo di Alessandro Magno. Questo 44 piedi alto calcare fortificazione militare serviva come punto di osservazione per il traffico nel Mar Egeo. I turisti possono anche trovare i resti di un Odeon bizantina (piccolo teatro) nel villaggio di Kampos, utilizzati dai nobili nell’antichità per eventi musicali e teatrali.

Le terme romane di Therma meritano una visita. Durante la Romantimes, acqua di sorgente calda con proprietà curative scorreva fuori e la gente si sono guariti dalle loro malattie da bagno in esso. Dopo un terremoto, le sorgenti Therma dell’isola di Ikaria smesso di funzionare e la città scivolò sotto il mare. I resti sono visibili con lo snorkeling nella regione. Nelle vicinanze, lungo i turisti possono seguire un sentiero lastricato che li porta a una sorgente attiva l’acqua calda, da cui l’acqua calda con proprietà curative scorre verso il mare. Possono il bagno in essa per curarsi, di qualsiasi malattia reumatica o pelle. In Nas, i visitatori possono inoltre esplorare i resti di un antico tempio della dea Artemide costruita intorno al 6 ° secolo aC Per gli amanti della natura, l’isola è un paradiso. È coperto con pino e querce foreste. I turisti possono fare escursioni attraverso la bellissima campagna, su terreni sassosi e sentieri di terra per godere gli splendori naturali. Isola Ikaria è uno dei luoghi più belli della regione mediterranea. Le montagne, laghi, fiumi e rigogliose foreste dell’isola di Ikaria formano una bellezza naturale unica.

Giorno 6: L’isola Mykonos

Isola di Mykonos – la più cosmopolita di tutte le isole dell’arcipelago greco. Questa funzione si spiega con la natura dell’isola geografia di Mykonos, l’isola si trova all’incrocio tra tutte le principali rotte di navigazione del Mar Egeo. Mykonos è uno dei più costosi per il resto delle isole greche. È il posto migliore di vita notturna pittoresche case greche, alberghi, di fascia alta e spiagge sabbiose magnifiche.

Mykonos è la località turistica più famosa dell’isola, è ricca di taverne, ristoranti, bar e negozi. In innumerevoli discoteche ospiti trascorrono la notte. Durante la giornata, agli ospiti di rilassarsi sulle bellissime spiagge di sabbia, che non è tipico per la maggior parte delle isole. A differenza di altre città, anfiteatri arcipelago greco, la capitale dell’isola, si trova nella pianura di Chora. La città è incredibilmente accogliente e bella. Le case tradizionali greche sono brillanti bianco, balconi in legno dipinte a colori vivaci e le finestre sono decorate con gerani. Capitale dell’isola è la città di Chora (Chora), la famosa architettura colorata, che attira artisti a Mykonos. Case bianche con le persiane colorate e porte sono situati sulle strade strette e tortuose, che ricorda il labirinto. A Chora ci sono pittoreschi mulini a vento antiche e diverse chiese interessanti. Ci sono molti bar e locali notturni, il più alla moda delle quali si trovano in una pittoresca zona di Little Venice. Mykonos ha solo due città, e il secondo è Ano Mera. La città si trova a 7 km da Chora. In contrasto con la capitale, è molto silenzioso e tranquillo posto con diversi hotel di lusso. I turisti sono attratti qui dal monastero di Panagia – Tourliani (Panagia Tourliani) con una magnifica collezione di icone. La maggior parte delle spiagge sono sulla costa meridionale, dove sono protetti dal vento. Tutte le spiagge dell’isola di sabbia del sud. In luglio e agosto, il più famoso e popolare di loro diventano molto affollato – sono le spiagge Paradis, Super Paradise, Platis Gialos, Psara (Psarou) e Hornos (Ornos). Sulle spiagge di Paradise e Super Paradise sono le migliori feste in spiaggia in Grecia. Super Paradise è la più famosa spiaggia gay in Grecia. Ma lui disegna e dritto allo stesso modo, grazie alle famose feste di giorno e di notte sulla spiaggia. La spiaggia è facilmente raggiungibile da Hora. Anche nudisti sdraio adatto. Non ci sono negozi e, nonostante il nome, le dimensioni di esso dà la spiaggia paradiso. È anche molto popolare, soprattutto tra i giovani che sono attratti qui e music bar. In serata, l’intera spiaggia si trasforma in una discoteca a cielo aperto. Sulla spiaggia ci sono opportunità per gli sport acquatici, centro sub, che si trova nei pressi del campeggio. Più vicina alla capitale è una spiaggia di Ornos, che lo rende di solito molto affollata. La spiaggia dispone di un centro diving, windsurf e sci d’acqua, diversi caffè e ristoranti. Anche vicino alla città è una famosa spiaggia di Agios Stefanos. Spiaggia di Platis Yialos – anche una delle spiagge più popolari dell’isola. Sulla riva ci sono diversi alberghi. È abbastanza lunga e spiaggia attrezzata. Dalla capitale alla ogni mezz’ora un autobus spiaggia. Dalle barche Platis Yialos lasciare ad altre famose spiagge della costa meridionale: Paranga, Agrari, Elia, Paradise e Super Paradise. La spiaggia Elia è spesso visitata da gay e nudisti. Nelle vicinanze di Platis Gialos Psarou si trova. Egli è conosciuto per attrarre le celebrità di tutto il mondo. Si tratta di una stretta spiaggia di sabbia pittoresco, situato a 5 km dalla capitale. Raggiungere la spiaggia della città in autobus. C’è un bar e ristorante, nonché un centro immersioni che offre una varietà di programmi per principianti e safari di immersione per subacquei esperti. La spiaggia Kalafati (Kalafatis) appassionati di outdoor adatti: ci sono noleggio attrezzature per gli sport acquatici, windsurf e diving center. C’è anche un ristorante con cucina greca e pesce fresco. Kalafati situato nella sud-est dell’isola. Raggiungere la spiaggia dalla capitale con l’autobus. Situato nei pressi di una spiaggia decente Leah (Lia), una lunghezza di 200 metri. È una buona alternativa alla spiaggia Kalafati per coloro che soggiornano in questa parte dell’isola, ma alla ricerca di un posto più tranquillo. Nel nord dell’isola non sono meno belli trova, ma più tranquilla spiagge, che sono adatti per coloro che cercano la privacy. Raggiungere queste spiagge possono essere solo in auto, gli autobus non li servono, la maggior parte delle spiagge sono non ben-off, che li rende anche meno visitato.

Giorno 7: L’isola Paros

Paros è situato nella parte sud-occidentale del Golfo Saronico, tra le isole di Mykonos e Santorini.The montagna più alta dell’isola – Profitis Ilias (771 m), sorge nel centro di Paros e le colline scende per la costa con spiagge piatte. Storia dell’isola di Paros va indietro di secoli. Una volta era il centro di un’antica civiltà cicladica. Nell’antichità, il wasfamous isola come un luogo di produzione eccellente marmo pario. Per lungo tempo i veneziani governarono Paros, poi i turchi conquistarono l’isola, e negli anni 1770-1774 ci fu una flotta di Conte Orlov e fu la capitale provvisoria del “russo” Cicladi. Paros è una delle famose località dell’isola greca – ci sono molte spiagge eccellenti. Tra di essi spicca per la sua bellezza Kolimbithres (Font), delimitata da alte scogliere di forma insolita.

Paros è una delle mete preferite per gli appassionati di windsurf. Nella zona della spiaggia d’ora e baie adiacenti sono diverse stazioni. Uno di loro (a Nea Chrisi Akti) concorso internazionale annuale per i surfisti che arrivano da tutto il mondo. Nelle vicinanze si trovano alcuni alberghi che consente di combinare il riposo e lo sport preferito.

Gli ospiti di Paros offre meravigliose opportunità di scoprire ed esplorare il patrimonio storico della Grecia. Sull’isola sono molte pittoresche cappelle nascoste e monasteri, oltre a due medievale fortezza veneziana. Nella capitale dell’isola, Paros è la chiesa Katapolyani (Stovratnaya) – uno dei più importanti monumenti bizantini della Grecia. Nel giorno dell’Assunta (15 agosto), qui sono magnifici festa con fuochi d’artificio e l’esecizione degli antichi canti navali.

Giorno 8: L’isola Naxos

Naxos Island la più grande delle isole Cicladi (448 km quadrati), con la vegetazione più varia è approssimativamente nel centro del Mar Egeo 110 miglia dal Pireo. Città Naxos – trafficato porto situato lungo la baia con bar e ristoranti, che si estende verso circondato da alte pareti delle fortezze. Naxos veneziani – l’isola creata da riposo attivo, un gran numero di bar, caffetterie, discoteche, night club e la musica è stata la ragione che Naxos è diventata una meta di vacanza preferita tra i giovani. La vita notturna dell’isola è a volte molto più attivo di giorno. Naxos è famosa anche come l’isola e abili scultori – maestose sfingi portato un regalo al museo da gente del posto a Delfi. Ci sono qualcosa da vedere nella capitale dell ‘isola: così interessante per esplorare uno degli edifici più antichi della maestosa città di Naxos – Portara cancello, in piedi su una piccola isola della Camera, che è collegata con l’isola di ponte di Naxos. Il Museo Archeologico è una ricca collezione di oggetti rinvenuti sull’isola, tra cui eleganti lastre scolpite fatte nel periodo di massimo splendore della civiltà cicladica. Interessante anche il museo edificio stesso – il palazzo nel 1627, che in seguito ospitò la scuola francese. Spiagge Naxos più di tutti di sabbia, lambite da acque pulite cristallizzazione e che copre quasi 100 chilometri di costa dell’isola: la spiaggia “San Giorgio” (Agios Georgios) – città di mare di Chora, è molto popolare tra coloro che non lo fanno voglio andare ovunque in cerca di un posto per la lunghezza della spiaggia di nuoto circa un chilometro, è superficiale; spiaggia “San Procopio” (Agios Prokopios) è di circa quattro chilometri da Hora – sabbiosa, con aggiunta di piccoli ciottoli, lunghe e larghe; spiaggia “S. Anna” (Agia Anna) – si trova a 7 chilometri da Hora per Agios Prokopios spiaggia vicino al villaggio dello stesso nome; spiaggia “Plaka” (Plaka) – si trova a 8 chilometri da Hora a spiaggia di Agia Anna – spiaggia grande “lunga e larga” di sabbia.

Giorno 9: L’isola Iraklia

Un altro isola appartenente alle isole Cicladi degni della vostra attenzione. Vuoto villaggio di Livadi (Livadhi) si trova proprio dietro la spiaggia dello stesso nome e attira l’attenzione fatiscenti antiche mura e fortificazioni veneziane volte ducato di Naxos.

Grotta di Agios Ioannis si trova nella parte alta della valle che porta al Golfo Berkarya (Vourkari), ed è conosciuto come uno dei primi luoghi cristiani nella regione. Quindi è facile andare a una piccola spiaggia di sabbia a Alim (Alimia), da qui si può raggiungere la riva in cinese (Schinoussa) o spiaggia di ghiaia Karvuna Lakos (Karvouno Lakos).

Giorno 10: L’isola Koufonissa

Quei turisti che sceglie questo piccolo paradiso saranno sorpresi per le numerose spiagge incontaminate ricoperte con bassi cespugli. A causa della struttura vulcanica dell’isola sarete piacevolmente sorpresi da vasche naturali formate da scogliere costiere. Oltre a spiagge dell’isola potrete gustare il pesce più delizioso. Ci sono solo un villaggio sull’isola di Chora, che è costituito di 12 taverne, due bar, tre negozi e bancarelle di souvenir. La strada principale dell’isola diversi chilometri ad est dell’isola inizia e finisce in spiaggia Finikas, lì a pochi passi dalla spiaggia e Thanos alla spiaggia più famosa dell’isola Punda. Proseguendo la strada, incontriamo quei “bagno” e l’estremo nord dell’isola di Gran Sands Pori. Ci sono anche gite alle vicine isole disabitate. Trecento metri dal villaggio di Chora in Potamia sulla riva è un mulino a vento costruita nel 1830, che è un edificio tutelato sotto il relativo ordine del Ministero della Cultura della Grecia. Questo stato vieta qualsiasi modifica all’architettura dell’edificio e il suo proprietario aveva un’idea interessante per il mulino a vento.

Giorno 11: L’isola Amorgos

Famosa per il suo drammatico paesaggio di montagna e un’atmosfera rilassata, è stato uno dei primi centri di formazione della civiltà cicladica, ed ora attira un gran numero di turisti, soprattutto i francesi, perché è stato girato qui un film cult di Luc Besson ” Le Grand Bleu “. Il porto principale dell’isola, Katapola, si trova in profondità stretta baia, si presenta come un fiordo, e in realtà si compone di tre villaggi separati – Katapola il Southside, Ksilokeratidion (Xylokeratidhion, Xylokeratidhi) sulla riva nord e Rahidion (Rahidhion, Rahidhi) su la collina adiacente alla baia a sud-est della catena montuosa centrale. L’attrazione principale del paese Katapola, il porto principale dell’isola, la Chiesa della Vergine (Panagia Katapolyani), costruita sul sito di un antico tempio di Apollo. Qui ci sono le rovine dell’antica città di Minoa. I nuotatori possono godere di relax sulle spiagge di sabbia incontaminate della zona. Il secondo più importante porto dell’isola, un pittoresco villaggio Aegiali, famoso anche per le sue bellissime spiagge di sabbia. Si è formata dalla fusione di quattro villaggi, costituiti interamente di case bianche (Tolar, Potamos, Ormos e Langada). Gli escursionisti hanno suggerito di fare un turno di due ore a nord di Langada, fino al punto più alto dell’isola (Monte Krikellos). La strada è impressionante, ma ancor più sorpreso che sarà quando si raggiunge la cima, si affaccia su una magnifica vista di tutta l’isola. Nel sud dell’isola, vicino alla città antica, è un altro notevole pittoresco villaggio whight Arkesini. Visita della città di Chora, costruito in stile tradizionale delle Cicladi: case bianche, strade strette e numerose chiese affascinano tutti! Molte delle taverne locali propone deliziosi piatti della cucina greca. Spiaggia di sabbia magnifica Egal delizierà grandi e piccini. Numerose taverne lungo le sponde non ti consente di rimanere affamati. Abbiamo anche raccomandando a visitare la spiaggia di ciottoli di Agia Anna, interpretato da alcuni degli scatti del film “The Big Blue”. Non lontano da questa spiaggia ci sono la chiesa di Agia Anna. Gli ospiti che è curioso di immersioni di mare troveranno al centro di immersione il cui smaltimento è tutto il necessario per le immersioni.

Giorno 12: L’isola Astypalea

Astypalea – una delle più belle isole della Grecia! Farfalla Mar Egeo, come la chiamano i locali chiamano questa isola per la sua forma. Astypalea trova tra le Cicladi e il Dodecaneso, e si combina con le caratteristiche di questi due distretti.

Dall’alto l’isola si presenta come una farfalla, la sinistra di cui è montuoso e quasi priva di alberi, ma sotto il lato destro è coperto da foreste. Posto meraviglioso per arrampicata e trekking lungo i sentieri di montagna stretti. Spiagge pulite, gli alberi e gli edifici pittoreschi ordinate che ricordano le Cicladi. Astypalea ha una ricca storia, sottolineando la bellezza selvaggia dell’isola. Bella notizia per gli escursionisti che cercano di salire negli angoli più segreti: Astypalea, quasi l’unica delle isole greche, dove non ci sono serpenti. Il fatto che questa isola è molto ricco su sorgenti e ruscelli, cicogne troppo mach spesso vengono per l’isola, in modo da cancellare tutti i serpenti sull’isola. Nel centro della città ci sono vecchi fortezza veneziana. All’interno della fortezza sono due chiese Virginia Annunciazione e San Giorgio. Anche se non così Astypalea mach un luogo turistico nella città ci sono molti bar con tipo molto diverso di musica e istituzioni che operano fino a quando una mattina. Ci sono troppi taverne accoglienti. Dalla carne di lepre e pesce, frutti di mare fino a una aragosta, che può essere ordinato con la pasta stile italiani Astypalea è molto famosi. Che dire di spuntini ci sono deliziosi formaggi tradizionali e inusuali burro gusto con gusto del formaggio “sinkafuro”. Bella abitudine degli isolani e visitatori dopo una grande festa per salire fino alla fortezza per incontrare il sole tutti insieme!

Giorno 13: L’isola Kalymnos

Bellezza dell’isola vi catturerà il vostro cuore a prima vista – il terreno montagnoso con due tentacolare valle sottostante ipnotizzante vista, mare azzurro penetrante chiaro non vi permetterà di dimenticare. L’isola non è solo una storia ricca e straordinaria natura, mare azzurro e spiagge pittoresche. L’isola di Kalymnos è famosa per le numerose baie e grotte romantiche, mantenendo le loro leggende, molte delle quali raggiungibili solo via mare. Più popolare di loro è la grotta dei Sette Vergini (o Grotta Ninfe) e grotta Kefala, secondo la leggenda servito come rifugio per un’isola Zeus.The ha esplorato la grotta con una ricca stalattiti e stalagmiti arredamento, in cui è possibile ottenere con escursioni. Interesse archeologico è una grotta nella roccia vicino la baia di Vathi, i cui risultati indicano che la grotta fu abitata fin dal Neolitico. La popolazione locale è famoso per tutta la Grecia per i suoi pescatori di spugne di mare. Per questo motivo il museo di spugna è aperto qui. Questa è la pesca principale per i residenti locali, come per il turismo, l’isola è aperto non molto tempo fa. Dovete visitare il Museo Archeologico, che si trova nella capitale del Coro dell’isola e comprende reperti, risalenti addirittura alla preistoria. Questa è la prova reale che la vita sia nata molto tempo fa. La capitale dell’isola è la Pothia città con una popolazione di 10 mila persone. La città è stata fondata a metà del 19 ° secolo. In città si possono vedere due del Duomo: la Cattedrale di San Nicola e il Cristo del Salvatore dalle icone antiche e città affreschi. The ha molte case in stile neoclassico – patrimonio italiani. Una di queste case c’è un Museo Archeologico Kalymnos.

Capoluogo Coro della vecchia isola situata a circa un chilometro da, in direzione nord-ovest. Vicino al villaggio si può vedere la fortezza. Sul territorio della fortezza è la Chiesa della Vergine; l’icona viene memorizzato qui, dove la madre di Dio è raffigurato con le mani dorate. Dalla fortezza vi è una splendida vista del cityPothiaand visibile per la vicina isola di Kos. Le spiagge più popolari dell’isola sono le spiagge di Kanuni, Linaria, Mussoorie e Vlikadia.

Giorno 14: Turgutreis, Karaincir

Viaggeremo a Turgutreis – un centro business, la seconda città più grande vicino a Bodrum. Qui infrastrutture sviluppato perfettamente e la città attira un turista con una vasta scelta di centri commerciali e discoteche alla moda. Ma la prima cosa che farà visitare la straordinaria bellezza spiaggia Karaincir. La spiaggia è famosa per la sua varietà e la qualità, la sabbia dorata e il mare è calmo a causa di alcune isole raccolti intorno alla baia, è proteggere la spiaggia dai venti e dalle tempeste. Sulla spiaggia si può guidare su queste attrazioni, come: banana, Moto d’acqua, parasailing qui non ci si annoia. Gli amanti delle immersioni possono essere attratti per nuotare vicino alle isole Orak, Kargil, Kechek e Catal. In una frazione tranquilla “Kadikalesi” è possibile immergersi nell’atmosfera di relax e ospitalità. Qui, accoglienti caffè e ristoranti chic offrono la cucina gourmet come turca, così come cucina casalinga. Ma prima di tutto, prestare attenzione alla cucina di pesce Korfes, Tekirdag Kofteci, Fener, Alins, Bolulu Hasan Usta, Mona Liza e Ay Bey. Ampie strade, piantagioni di mandarini, ricca selezione di vari frutti e una vasta selezione di pesce e frutti sorprenderanno i viaggiatori più esigenti. La vita notturna è ricca di Turgutreis, ci sono molti bar e discoteche con stile e musica diversa. Pernottamento e cena a Turgutreis.

Giorno 15: Bodrum

Previo accordo, gli ospiti potranno lasciare la gola con i ricordi più preziosi entro le ore 10:30.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *